Photos

Photographer's Note

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Visso (Vìssu in dialetto maceratese[3]) un comune italiano di 1.229 abitanti[4] della provincia di Macerata nelle Marche.
Già 907 anni prima di Roma[senza fonte] si hanno notizie di un villaggio fondato dalla tribù sabina dei Naharci, chiamato Vicus Elacensis, alla confluenza dei fiumi Ussita e Nera.
Nel 576 Visso passò sotto il ducato di Spoleto per via dei Longobardi che intorno al 575 avevano occupato quelle zone.
Nella prima decade del 1200 le popolazioni che abitavano sulle montagne vissane scesero a valle probabilmente per comodità di commercio, dando vita ad un centro indicato con il nome di Visse, che organizzatosi in libero comune, rivaleggiò fortemente con molti dei comuni limitrofi.
In seguito Visso venne affidata ai Da Varano, duchi di Camerino, che la tennero ad intermittenza fin quando i papi non l'affidarono definitivamente a dei cardinali.
Nel 1400 conobbe i saccheggi delle compagnie di ventura, periodo passato alla storia come "la ruina di Visso", anche grazie al ripetersi dell'infausto fenomeno della peste.
La mancanza di spazi coltivabili in un terreno così montuoso spinse da sempre i vissani a spostarsi su territori distanti dal centro, fu così che nacquero delle dispute con Camerino, Norcia, Montefortino, Montemonaco e Acquacanina.

ENGLISH

From Wikipedia, the free encyclopedia.
Visso (Vìssu in Macerata dialect [3]), an Italian town of 1,229 inhabitants [4] in the province of Macerata in the Marche.
Already 907 years before Rome [citation needed] is no news of a village founded by the tribe of Sabine Naharci called Vicus Elacensis, at the confluence of the rivers Black and Ussita.
In 576 Visso passed under the duchy of Spoleto by the Lombards that around 575 had occupied those areas.
In the first decade of the 1200 people who lived in the mountains came down to the valley vissane probably for convenience of trade, resulting in a center designated by the name of lived that organizzatosi a free commune, competed strongly with many of the neighboring towns.
Following Visso was entrusted to the Da Varano of Camerino dukes, who ruled intermittently until the popes not permanently entrusted to the Cardinals.
In 1400 he met the looting of the mercenary, a period known to history as "the ruin of Visso", thanks to the phenomenon of repetition dell'infausto plague.
The lack of space in arable land so mountainous Vissani always pushed to move to places far from the center, so that was born of the dispute by Camerino, Norcia, Montefortino, Montemonaco and Acquacanina.

maria-v1981, bayno, Cricri, fds has marked this note useful

Photo Information
Viewed: 1247
Points: 26
Discussions
Additional Photos by Marino Rubinich (kennyblack) Gold Star Critiquer/Silver Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 361 W: 16 N: 946] (4207)
View More Pictures
explore TREKEARTH